LOCRIDE – ATTIVATO TAVOLO CONCERTAZIONE

Aristide Bava
SIDERNO – Partendo dalla convinzione che non è più ammissibile che il futuro della Locride sia affidato ad azioni estemporanee disarticolate ,senza un minimo di pianificazione la dirigenza del Corsecom ha deciso di porsi come strumento di coordinamento per consentire agli organismi istituzionali di lavorare su una necessaria programmazione congiunta che permetta al territorio di sfruttare le sue potenzialità e affrontare in maniera unitaria i suoi molteplici problemi. Dopo la recente riunione tra i dirigenti del Corsecom, presieduto da Mario Diano e i responsabili della Cooperativa degli Operatori turistici della Locride , presieduta da Maurizio Baggetta è stato deciso, pertanto, di istituire un apposito tavolo di concertazione con l’auspicio che le Istituzioni preposte prendano coscienza della necessità di pianificare quanto piu’ possibile il futuro della Locride. Il tavolo di concertazione, al quale saranno chiamati a far parte anche i sindaci della fascia ionica reggina oltre a rappresentanze delle due organizzazioni e di altre qualificate associazioni del territorio diventerà permanente, e si porrà come un specie di cabina di regia per poter monitorare e seguire da vicino le problematiche del territorio. Obiettivo principale è quello di affrontare in particolare le iniziative che vanno in direzione di una adeguata qualificazione del territorio soprattutto dal punto di vista turistico visto che è il settore oggi piu’ trainante e capace di dare immediati benefici economici grazie alla possibilità di attrarre subito nuovi flussi turistici anche in virtu’ di un lavoro che già gli operatori turistici hanno sviluppato nel recente passato. Dovrà essere – secondo le intenzioni del Corsecom e degli operatori turistici – un tavolo operativo, snello e concreto aperto ai confronti, alle analisi e agli approfondimenti che cercherà di coinvolgere in maniera operativa Sindaci, Tecnici, Esperti e Rappresentanti di varie Organizzazioni puntando anche su una collaborazione attiva e incisiva dei giovani. In questa direzione è già stata prevista una prima riunione ufficiale che dovrebbe aver luogo, salvo imprevisti, il 14 dicembre presso il Centro Servizi Turistici di Locri (finanziato con risorse Pisl e appena realizzato ). Questa annunciata stretta collaborazione e’ mirata ad entrare nel merito non solo di iniziative a carattere turistico, ma anche a quelle di interesse comprensoriale che sono attualmente sul tappeto o che, via via, si presenteranno . In particolare quelle di grande respiro di cui spesso si parla in momenti contingenti ma che, poi, per una serie di motivi vengono lasciati in sospeso perché spesso non ci sono interessamenti diretti o, finanche, non ci si rivolge ai giusti interlocutori. Ecco, dunque la necessità di affrontare i vari problemi con una specifica programmazione, un necessario coordinamento, e un punto di riferimento capace di monitorare lo stato di attuazione dei lavori, seguire i percorsi e, ove necessario, informare adeguatamente l’opinione pubblica. Insomma un cambio di passo rispetto a quanto avviene adesso in maniera sporadica e tramite iniziative dei singoli amministratori che spesso sono portati a garantirsi i loro “campanili” con il risultato che c’è uno spreco di energie, di tempo,e soprattutto non si ottengono risultati che si potrebbero ottenere se tutto fosse regolarmente pianificato e partisse da una buona organizzazione capace di coordinare le necessità generali del territorio. L’idea è certamente condivisibile. Resta da vedere se si saprà realmente fare in modo di superare le divisioni (locali) che purtroppo ancora esistono e che sin qui, in molti casi, hanno costituito un freno allo sviluppo del territorio