Home / Cronaca / REGGIO CALABRIA-VANDALIZZATO IL PRESEPE REALIZZATO DAI RAGAZZI DISABILI.

REGGIO CALABRIA-VANDALIZZATO IL PRESEPE REALIZZATO DAI RAGAZZI DISABILI.

Reggio, vandalizzato il presepe realizzato da ragazzi disabili. Nucera: ‘Gesto dissacrante, vergogna!’

Amareggiato il presidente della Cooperativa Libero Nocera per quanto accaduto: ‘Gesto irresponsabile, un’offesa alla città’

Un gesto inqualificabile. Nel cuore della città, a due passi dalle più importanti istituzioni cittadine, è stato sfregiato il presepe realizzato dai ragazzi della Cooperativa sociale ‘Libero Nocera’ di Reggio Calabria. Un vero e proprio atto vandalico subito da una realtà virtuosa e positiva che da anni si occupa delle fasce più deboli.
Il presepe artigianale faceva bella mostra di sé a piazza Italia ed era stato costruito nei laboratori pratico-creativi della Cooperativa dai minori disabili.
“Una brutta pagina per la città – commenta addolorato il presidente Gaetano Nucera – Ignoti hanno scelto di colpire un manufatto realizzato da ragazzi disabili che vivono alcune difficoltà proprio nel cuore della città e sotto lo sguardo del Comune, della Città Metropolitana e della Prefettura. Siamo sconcertati e non abbiamo parole per quanto accaduto. Un gesto inqualificabile, da irresponsabili e dissacrante”.
Un gesto triste che addolora profondamente l’intera città proprio ad inizio anno, quando tutti dovremmo mostrare un maggiore senso civico. Un attacco alla Cooperativa e ai ragazzi che dovrebbe far vergognare proprio per ciò che l’installazione rappresentava, simbolo di speranza e fede.
“Un’offesa alla città, ogni cittadino si dovrebbe sentire offeso. Attaccheremo adesso un manifesto con le nostre considerazioni. Il presepe rimarrà così fino al giorno 6 perchè quanto fatto deve essere visibile. Tutti si devono sentire indignati. Ai nostri ragazzi dico di pensare sempre positivo e di guardare al futuro con sguardo ottimista”.
La bravata costerà caro a chi ha agito in modo indegno e crudele. L’intera area è infatti videosorvegliata e non sarà certo difficile identificare gli autori del folle gesto.