SIDERNO – L’OSSERVATORIO INTERROGA LA REGIONE SULL’IMPIANTO RIFIUTI

Aristiude Bava
SIDERNO – Anche l’ Osservatorio ambientale per il Diritto alla vita, presieduto da Arturo Rocca è preoccupato per le ventilate notizie della possibile ubicazione a Siderno di un impianto per la digestione aerobica con produzione di biogas.. E , per questo motivo, in attesa della prevista riunione che, su richiesta del Circolo del Pd, avrà luogo a Catanzaro il 1 giugno ha indirizzato all’assessore all’ambiente Antonella Rizzo e al Doirigente Gebnerale del Dipartyiomento Ambiente e territorio della Regione, una lettera ufficiale per avere notizie precise. Nelal nota si fa rifertimento in prtemnessa alle dichiarazioni di Antonella Rizzo in occasione del suo incontro con i sindaci della Locride , quindi, facendo anche riferimento al fatto che ” il Consiglio Comunale di Siderno, all’unanimità, con delibera n. 948 del 13 maggio 2016 ha espresso parere sfavorevole per la realizzazione presso l’impianto di S. Leo di un digestore anaerobico” e richiamate “Le considerazioni, suffragate da fondate tesi scientifiche, contrarie alla realizzazione presso l’impianto di località S. Leo di un digestore anaerobico, inviate via pec da questo Osservatorio Ambientale in data 13 giugno 2016 a entrambi gli organi in indirizzo” Arturo Rocca chiede “di ricevere maggiori e più precise informazioni su quali saranno, nel breve-medio e lungo termine, i lavori da realizzarsi presso l’impianto sito in località S. Leo di Siderno e se tra questi, sia previsto un impianto per la digestione anaerobica con produzione di biogas ed in caso affermativo, di quali tecnologie esso si avvarrebbe, specificando se il metano così prodotto verrebbe immesso in rete o sfruttato per produzione d’energia termo-elettrica tramite co-generazione” . Tanto – conclude Rocca – per dare chiarimenti alla cittadinanza allarmata dalle notizie circolanti.