SIDERNO – RIFIUTI , INCIVILTA’ E REPRESSIONE

Aristide Bava
SIDERNO – Nonostante il cattivo tempo delle ultime giornate , lo sversamento abusivo di rifiuti in città non si è fermato e la raccolta differenziata, che pure costituisce un indiscusso aspetto positivo continua a portarsi appresso questo increscioso risvolto negativo . In molte zone di Siderno si possono notare cumuli di spazzatura che calpestano il senso civico delle persone perbene e offrono una immagine distorta della cittadina. I soliti incivili rifiutano di capire che la raccolta differenziata è un bene per tutti, e pur essendo una sparuta minoranza, malgrado gli appelli della stessa amministrazione comunale e malgrado l’ordinanza che prevede anche pesanti sanzioni per chi abbandona rifiuti in maniera indiscriminata , creano problematiche anche di natura sanitaria. Diventa sempre piu’ necessaria, dunque, l’opportunità che si comincino a prendere provvedimenti concreti per contrastare questa deleteria situazione. In questa ottica, proprio ieri Mariarosaria Tino, nella qualità di presidente dell’ Osservatorio Cittadino Rifiuti Siderno, ha indirizzato al sindaco Pietro Fuda , al Comandante della Polizia Municipale nonchè al Responsabile del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Asp nr.5 – Reggio Calabria, al Dirigente Settore –Ambiente e Territorio del Comune di Siderno e alla società Locride Ambiente S.p.a, una lettera per segnalare l’ abbandono e la combustione di rifiuti solidi urbani sulle vie Circonvallazione Nord- Torrente Lordo-, Via Rossellini, Via Pasolini, Via De Sica. Nella nota Mariarosaria Tino parla di ” una notevole quantità di rifiuti urbani abbandonati in maniera sistematica e riposti in cumuli, soventemente dati al fuoco” nelle suddette vie e afferma che ” Si ritiene probabile che tale condotta, sia messa in atto da cittadini presumibilmente non iscritti al ruolo per il pagamento della tariffa sui rifiuti, residenti nei caseggiati situati in quelle vie” Quindi, fatto riferimento ai “.gravi problemi igienico – sanitari derivanti dal sistematico abbandono e rovinosa combustione dei rifiuti per le vie su menzionate, anche in considerazione della presenza di un importante e frequentato Istituto Scolastico allocato nelle vicinanze, nonché il rischio idraulico che i cumuli di spazzatura potrebbero provocare sul torrente Lordo” chiede ai soggetti in indirizzo ” ognuno per i propri ambiti di competenza di procedere ai controlli sulle utenze residenti presso le vie R. Rossellini, P. Pasolini, V. De