Home / News / SIDERNO – RIFLETTORI SUL PORTO DI GIOIA TAURO

SIDERNO – RIFLETTORI SUL PORTO DI GIOIA TAURO

Aristide Bava
SIDERNO – ” Il Porto di Gioia Tauro: città metropolitana e nuovi paradigmi geopolitici” è il titolo del libro che , Domenico Napoli, Direttore del Cefris, e Filippo Romeo, Esperto di Geopolitica, presenteranno sabato 5 gennaio presso la Libreria Mondadori. Non sarà la semplice presentazione di un libro ma grazie al coordinamento del prof. Giuseppe Giarmoleo, docente del Liceo scientifico ” Zaleuco” di Locri sarà occasione per accendere i riflettori sull’importante struttura con una serie di previsti interventi degli studenti della stessa scuola che” intervisteranno” gli autori del libro . All’ incontro è anche prevista la presenza attiva di esponenti delle Istituzioni, dell’Imprenditoria e della Politica. L’ Evento è stato organizzato con l’obiettivo principale di approfondire la conoscenza relative alle potenzialità del porto di Gioia Tauro, ancora espresse solo in parte, e soprattutto per richiamare l’attenzione dei decisori politici, e delle persone interessate allo sviluppo della regione, sulla necessità di fare le opportune scelte al fine di promuovere un vero sviluppo: unica via per garantire ai giovani calabresi la possibilità di costruirsi un futuro nella loro terra. La presentazione del libro, secondo gli organizzatori dell’evento, sarà anche un’ occasione per un confronto libero e costruttivo sul presente e sul possibile futuro della Calabria. Nel corso della presentazione saranno descritti gli scenari geopolitici attuali che, secondo gli esperti, riconoscono al porto calabrese un ruolo particolare: non più solo “porta dell’Europa”, ma centro del Mediterraneo e volano dell’economia meridionale, nazionale e finanche euro-mediterranea. Sarà affrontata la questione della ZES (Zona Economica Speciale) in considerazione, anche, delle esperienze similari realizzate in Europa. Un altro tema, fonte di tante polemiche, che sarà affrontato è dato dal “Rigassificatore”: problema o interessante risorsa? Infine, si parlerà dell’attraversamento stabile dello Stretto, della “Via della seta”, argomenti che potrebbero segnare l’economia del Sud nei prossimi anni in un quadro internazionale e del futuro della Città metropolitana anche alla luce del ruolo che ha la Politica. Nel corso della presentazione il libro sarà analizzato nei suoi particolari per dare un quadro chiaro dell’argomento, visto che offre uno studio scientifico, completo e aggiornato. L’opera è suddivisa, infatti, in cinque sezioni, ognuna delle quali affronta gli elementi cruciali per lo sviluppo dell’infrastruttura e dell’area circostante. La prima sezione, dal titolo “Gioia Tauro nel nuovo contesto geopolitico” offre un ampio quadro geopolitico utile a comprendere il complesso scenario mediterraneo. Nella seconda sezione, dal titolo “Portualità ed infrastrutture di trasporto”, vengono messe in evidenza le potenzialità e le carenze infrastrutturali. Nella terza “Gas: fattore di progresso e integrazione dei Paesi del mediterraneo”, si affronta la tematica energetica, approfondita con eminenti esperti di settore . Nella quarta sezione, denominata “Alta formazione e Ricerca per una nuova centralità del sapere nello spazio Euromediterraneo”, si affronta il tema della formazione come fattore di sviluppo per l’area auspicando che quest’ultima possa fungere da centro di diffusione dei nuovi saperi per l’intero bacino del Mediterraneo. Nella quinta e ultima sezione, “Economia e giustizia pilastri dello sviluppo”, sono contenute delle riflessioni di carattere economico e giuridico secondo cui non potrà esistere sviluppo in assenza di una giustizia certa e di un’economia che guarda al mercato perdendo di vista l’uomo. L’inizio dell’incontro è previsto per le ore 18-