Home / News / LOCRIDE – I SINDACI AFFRONTANO L’EMERGENZA RIFIUTI

LOCRIDE – I SINDACI AFFRONTANO L’EMERGENZA RIFIUTI

Aristide Bava
SIDERNO – I sindaci della Locride si sono riuniti, con procedura d’urgenza, presso la sala consiliare del Comune di Siderno per affrontare la problematica dei rifiuti. All’incontro hanno partecipato anche i consiglieri regionali Raffaele Sainato e Giacomo Crinò.Comitato dei comuni della Locride: problema rifiuti, bisogna intervenire tempestivamente. Dei primi cittadini erano presenti oltre alla Presidente dell’ assemblea Caterina Belcastro e del Comitato Giuseppe Campisi Vittorio Zito ( Roccella), Giorgio Imperitura (Martone), Giovanni Pittari ( S. Giovanni di Gerace), Vincenzo Loiero ( Grotteria), Giovanni Calabrese ( Locri) , Salvatore Fuda ( Gioiosa Ionica), Vincenzo Valenti ( Bivongi) , Giuseppe Lupis /( Agnana) , Rosario La Rosa ( Canolo) Antonio Crinò ( Casignana) , Giovanni Bruzzaniti ( Samo) , Alberto Stefano Marrapodi (Caraffa del Bianco) , Aldo Canturi( Bianco) . Vincenzo Maesano ( Bovalino) , Cesare De Leo ( Monasterace), Geppo Femia ( Marina di Gioiosa) e per il Comune di Siderno l’Ing. Pietro Fazzari. L’incontro è stato aperto dal presidente del Comitato Giuseppe Campisi che ha sottolineato la gravità della situazione precisando che, tra l’altro, si è bloccato per problemi di manutenzione il termo valorizzatore di Gioia Tauro affermando anche che per martedì è prevista una giornata di sciopero dei dipendenti di Ecologia oggi. Agli stessi è stata “girata” la solidarietà dei sindaci ma Campisi ha aggiunto che lo scioperò andrebbe a creare un nuovo blocco dei conferimenti. Poi ha messo sull’allarme “estate” che creerà , come di consueto, il raddoppio delle utenze e quindi dei conferimenti .La presidente dell’ assemblea Caterina Belcastro, dal canto suo, ha invitato i colleghi ad offrire contributi per trovare soluzione al problema. E’ quindi intervenuto il delegato all’ambiente Vittorio Zito che ha respinto ipotesi di manifestazioni di piazza “che avrebbero come risultato di farci scaricare qualche tonnellata in più per qualche giorno e basta” auspicando soluzioni condivise tra tutti gli attori istituzionali. E forse è il caso di prepararci a interventi più coraggiosi e unanimi evidenziando l’impossibilità che continui la situazione attuale . Poi in rapida successione hanno preso la parola i sindaci De Leo, Maesano, Femia, Canturi e Crinò prima di lasciare spazio ai due consiglieri regionali Crinò e Sainato che hanno dato la loro disponibilità a supportare i sindaci sulla base delle loro decisioni . E’ intervnuto anche Salvatore Fuda consigliere della città metropolitana, lasciando ,poi, la parola per le conclusioni dei lavori a Vittorio Zito ha sintetizzato una proposto su tre interventi urgenti, Scongiurare lo sciopero dei lavoratori di Ecologia oggi anche con l’aiuto del Prefetto, lavorare perché si arrivi al periodo estivo con le soluzioni giuste d’intesa con l’Ato di Reggio Calabria e attivare le soluzioni a lungo termine per lo smaltimento dello scarto di lavorazione, per il combustibile di rifiuti e l’umido, che sono le tre parti del rifiuto indifferenziato. La situazione, però, non lo ha nascosto nessuno, rimane decisamente precaria e le strade dei Comuni della Locriode continuano ad essere piene di rifiuti.

nella foto il tavolo di presidenza ( Zito, Campisi, Belcastro, Sainato, Femia, Crinò)