Home / News / LOCRIDE – LO SPOT DI DAVI RIAPRE L’ETERNA CONTRAPPOSIZIONE NORD – SUD

LOCRIDE – LO SPOT DI DAVI RIAPRE L’ETERNA CONTRAPPOSIZIONE NORD – SUD

Aristide Bava
SIDERNO – Lo spot promozionale della Calabria e del territorio della Locride presentato a Siderno dal massmediologo Klaus Davi con il placet dei sindaci del comprensorio Ionico ha aperto una incresciosa polemica per alcune affermazione contenute nello stesso. In particolare il presidente del Veneto Luca Zaia affermato che lo spot è un “autogoal” ha detto che ” si screditano ambientalmente e dal punto di vista sanitario interi territori ” mentre si “magnificano giustamente e correttamente l’attrattività delle spiagge e delle località marittime della Calabria” . Si chiede ,però, perchè le stesse sono così oggettivamente belle ma così oggettivamente deserte” aggiungendo che ” Ci sarà pure un motivo…Il turismo è rispetto e libertà”. Nella sostanza, secondo Zaia lo spot “è poco unitario e pone la questione del Sud contro il Nord che è ormai serpeggiante e la si respira” finendo col dire che “è un bruttissimo segnale anche perché il video scredita i territori, offende i nostri operatori e i veneti». Sul delicato problema i sindaci della Locride, intanto, hanno precisato che lo spot non è stato realizzato da loro e che, comunque”Lo spirito degli autori, per come è stato rappresentato, non era rivolto né a “denigrare” né ad “offendere” le Regioni del Nord Italia, ma esclusivamente a promuovere un territorio, quello della Locride, intriso di arte, storia e cultura”. Convinti anche – scrivono – .” che il modo migliore per risollevare le sorti del Paese sia esaltare l’unità nazionale e collaborare con intenti unitari”. Quindi l’invito al Presidente della regione Veneto Luca Zaia, ” di approfondire meglio, rinunciando a giudicare le comunità del Sud secondo stereotipi e cliché appartenenti ad una retorica vecchia e logora. Inoltre lo invitiamo a prendere le distanze, sempre e comunque, dalle migliaia di articoli di giornali padani che contrappongono il Nord al Sud”. Poi l’invito a visitare la Riviera dei Gelsomini,” terra accogliente e civile, felici di ospitarlo e mostrargli le sue bellezze”. Il dcumento oltre che dal presidente dell’assemblea Caterina Belcastro e del Comitato Giiuseppe Campisi è firmato anche dai consiglieri regionali Giacomo Crinò e Raffaele Sainato. D’altra parte la stessa presidente delal Regione Jole Santelli ha diramato un comunicato richiamando l’unità del Paese ma preciusando ” Siamo orgogliosamente Italiani ma difendiamo la dignità dei Calabresi”. Sullo spot è intervenuta anche la Cooperativa di Operatori Turistici della Locride Jonica Holidays prendendone le distanze .e accusando Klaus Davi di “aver agito in malafede” e precisando che il messaggio non è per nulla aderente al pensiero dei cittadini della Riviera dei Gelsomini con un invito agli italiani a visitare le meraviglie di cui la nostra nazione è ricca, dal nord al sud, e di scoprire il nostro territorio, la Locride, che al pari di altri offre qualità e bellezza, cultura e tradizione, accoglienza e coinvolgimento”

nella foto uno dei “tesori” della Locride , La Villa Romana di Casignana