Home / News / LOCRIDE – SCIOGLIMENTO DEI COMUNI, UNA LEGGE CHE VA CAMBIATA

LOCRIDE – SCIOGLIMENTO DEI COMUNI, UNA LEGGE CHE VA CAMBIATA

Aristide Bava
SIDERNO – C’era molta attesa nell’aria anche in relazione alle recenti vicende che hanno interessato alcuni comuni del comprensorio tra i quali Siderno e soprattutto Marina di Gioiosa, e il tema era certamente stuzzicante ” La Locride tra scioglimenti e legalità” . Lo stesso parterre dei relatori faceva presagire un forum molto interessante. E così è stato. Pesante il messaggio, ad esempio, dell’ On. Jole Santelli , parlamentare di Forza Italia, “Lo scioglimento di un comune è la sconfitta dello Stato ed è un atto di politica ambigua da parte del Governo che lo compie”. La manifestazione si è tenuta presso i locali del Cinema Teatro Nuovo con la presenza, tra i relatori, oltre che di Jole Santelli anche del deputato Antonio Viscomi, dell’ex sindaco di Caulonia Ilario Ammendolia e di Francesco Macrì, già sindaco di Marina di Gioiosa e legale dell’ ultima amministrazione targata Vestito nel ricorso presentato presso il Tar del Lazio. Tra il pubblico c’erano anche molti sindaci nonchè il parlamentare Felice Maurizio D’Ettore, l’ex assessore regionale Federica Roccisano, il presidente dell’ Osservatorio ambientale Diritto per la vita, Arturo Rocca, l’ex sindaco di Siderno Pietro Fuda, l’ex presidente del Consiglio comunale, Paolo Fragomeni, il già sindaco della città Domenico Panetta. I lavori sono stati aperti da Rosario Condarcuri, sul palco unitamante alla giornalista Maria Cogliandro, che ha subito precisato che lo scopo principale del dibattito era quello di discutere le delicate tematiche che stanno gravementer pesando sul territorio della Locride. E’ stata poi Maria Cogliandro ad interagire con i relatori stimolandoli a parlare della legge sullo scioglimento dei Comuni, da tutti ritenuta negativa ma ancora non cambiata. Quindi gli interventi di Francesco Macrì e di Antonio Viscomi. Entrambi hanno auspicato immediate modifiche della legge, Il Parlamentare ha anche evidenziato il carattere “monocratico” della stessa. Molto incisivo l’intervento di Ilario Ammendolia che ha ,invece, chiesto l’abrogazione della legge che – ha detto – sino a questo momento ha colpito molte persone oneste. ” Forte” l’intervento di Jole Santelli. Poi gli interventi di Maurizio D’ Ettore e del consigliere Metropolitano Pierpaolo Zavettieri . Entrambi hanno affermato che è necessaria una legge migliore ricordando che ci sono gia alcune proposte di modifiche che sino a questo momento non hanno trovato ascolto. Nell’ampio dibattito che ha fatto seguito ai loro interventi sono anche intervenuti Pietro Fuda, Domenico Vestito, Franco Crinò e Giuseppe Romeo. E’ stato un coro di no ad una legge che sino a questo momento non è servita a nulla. Il discorso – è stato precisato a conclusione del Forum – è destinato a continuare perchè è necessaria tenere desta l’attenzione dell’opinione pubblca ed evitare che la legge continui