Home / News / SIDERNO – IL SI E IL NO DELL’ISOLA ECOLOGICA

SIDERNO – IL SI E IL NO DELL’ISOLA ECOLOGICA

Aristide Bava
SIDERNO – Secondo una nota diffusa dai Commissari straordinari Maria Stefania Caracciolo, Matilde Mulè e Augusto Polito sono stati ultimati i lavori di sistemazione dell’isola ecologica, che è stata già consegnata a Locride Ambiente e d’ora in poi sarà possibile conferire gli ingombranti “tutti i giorni esclusa la domenica” secondo un calendario pubblicato sul sito web del Comune ove è anche riportato il numero verde messo a disposizione dal gestore del servizio, al quale rivolgersi per il ritiro. La comunicazione è inserita in una nota consuntiva sull’attività di contrasto all’abbandono dei rifiuti. “Sin dalla data di insediamento questa Commissione straordinaria -dice la nota- si è dovuta confrontare con il fenomeno dell’abbandono di rifiuti nel territorio amministrato. Considerata l’incisività della problematica e i connessi riflessi non solo sul piano sanitario , tenuto conto della vocazione turistica del territorio la stessa è stata affrontata con più iniziative su diversi piani. In collaborazione con le associazioni della consulta e le realtà associative cittadine operanti nello specifico settore,sono state portate avanti attività di sensibilizzazione in materia ambientale (7 solo nell’ultimo anno), quale principale baluardo su cui occorre fare leva.” Si richiama, poi, l’acquisto e l’istallazione di diverse foto trappole. “Una iniziativa, -scrivono i commissari- questa, che ha consentito di individuare svariati trasgressori, che in alcuni casi provengono anche dai comuni limitrofi con applicazione delle conseguenti sanzioni. L’attività sta proseguendo senza soluzione di continuità e con ulteriore impulso, tenuto conto che con determina del responsabile del settore Lavori pubblici n. 986 dell’11.11.2020 il servizio è stato implementato. Com’è noto, -continua la nota – l’individuazione di diversi trasgressori ha sino ad oggi consentito di bonificare definitivamente intere aree, tra cui Piazza della Cittadinanza europea che, considerato lo stato di degrado in cui versava alla data di insediamento di questa Commissione, riempiva le pagine delle cronache sidernesi.Inoltre, sono stati interessati i proprietari dei terreni su cui insistono i rifiuti (Enti e privati) per l’adozione dei provvedimenti di competenza che, in taluni casi (si pensi ai torrenti), richiedono spese ingenti. Anche in tali zone sono state in ogni caso installate fototrappole. Nel contempo, non si è mancato di avviare opere straordinarie di pulizia che, solo dallo scorso mese di luglio ad oggi, hanno interessato oltre 20 siti, alcuni dei quali (ad esempio,via Peppino Brugnano o Marina Piccola) sono stati, solo negli ultimi tre mesi più volte liberati dai rifiuti; attività, questa che prosegue come di norma.”. Il comunicato si sofferma, poi sulla lotta all’evasione tributaria, “che ha evidenti connessioni con i conferimenti abusivi. A tal fine -è scritto- è stato disposto dall’ufficio preposto un controllo incrociato con le risultanze dell’anagrafe, dello SUAP e della Camera di Commercio dalla quale sono stati estrapolati i dati relativi alle ditte aventi sede a Siderno, con conseguente iscrizione a ruolo, solo nell’anno 2019, di 565 nuove utenze domestiche e di 236 utenze commerciali per un totale di circa 800 nuove utenze. Per supportare l’ufficio tributi nell’attività di accertamento e verifica è stata avviata una gara, attualmente in fase di definizione presso la competente SUAP”. Quindi l’annuncio della attivazione dell’isola ecologica. Nelal parte vfinale la considerazione che ” Da quanto precede, emerge che tanta parte del lavoro di questa Commissione, che ha già iniziato a dare i primi frutti, è stato e continua ad essere dedicato a questa problematica, la cui delicatezza impone la massima attenzione. In tale contesto, si rivolge un accurato appello ai trasgressori a rispettare l’ambiente ed il territorio”. .
*****************************************************************************************************************************************************************************************

SIDERNO – In riferimento al comunicato stampa di Locride Ambiente SpA sulla riapertura dell’Isola ecologica di Siderno, annunciata dalla Amministrazione comunale ma poi smentita, appunto, dalla società, viene ulteriormente precisato, con un nuovo comunicato, “che la riapertura del Centro Raccolta Comunale è legata all’effettuazione di alcuni necessari lavori”. Locride Ambiente chiarisce – “come affermato nella precedente nota , la massima collaborazione con i commissari prefettizi, alle cui persone si rappresenta massima stima”. Ciò per precisare, dice la nota, che non c’è stato alcun “inganno” da parte del Comune nella comunicazione ai cittadini che annunciava l’apertura dell’ isola ecologica. A parte ogni disquisizione letteraria non è nostro compito entrare nel merito dei rapporti tra l’ Amministrazione comunale e Locride Ambiente. Il problema c’è, e resta. E rimane legato all’entrata in funzione dell’isola ecologica che i cittadini di Siderno attendono da oltre tre anni. Se realmente la mancata attivazione è legata, come afferma Locride Ambiente , alla mancata effettuazione dei lavori richiesti, l’augurio è che detti lavori vengano effettuati al più presto. Ai cittadini interessa soprattutto questo