Home / News / LOCRIDE – E’ DI BOVALINO IL NUOVO PROCURATORE FEDERALE DELLA FGIC

LOCRIDE – E’ DI BOVALINO IL NUOVO PROCURATORE FEDERALE DELLA FGIC

Aristide Bava
SIDERNO – E’ di Bovalino il nuovo responsabile della Procura Federale della Figc. Si tratta infatti di Giuseppe Chine ,51 anni, Magistrato presso il Consiglio di Stato che assumerà l’incarico sin qui detenuto dal dimissionario Giuseppe Pecoraro, ex Prefetto di Roma. Questi come si ricorderà era subentrato nell’agosto 2016 a Stefano Palazzi. Le dimissioni di Pecoraro aprono un avvicendamento che era già nell’aria e che avrebbe dovuto aver luogo nel giugno del prossimo anno. Nell’ambito della Procura federale, infatti, il Consiglio della Figc aveva da tempo iniziato a deliberare nuove nomine di competenza. Da ultime, quelle approvate, poco tempo addietro, con l’innesto di 5 nuovi procuratori aggiunti ovvero Marco Di Lello (con funzioni di Procuratore Federale Interregionale), Alessandro Gentili (assegnato alla Procura Federale Interregionale), Gioacchino Tornatore, Luigi De Ficchy, e, appunto, il vicario Giuseppe Chinè a cui spetterà adesso il compito di traghettare la Procura federale fino alla nomina del nuovo procuratore capo. E sono in molti a ritenere che sarà proprio Giuseppe Chinè a subentrare ufficialmente a Giuseppe Pecoraro anche per il suo blasonato curriculum. Chinè , già dal 2014 Componente della Procura Federale Figc, è.dal 2018 Magistrato amministrativo presso il Consiglio di Stato. Tra i suoi incarichi piu’ recenti quello di Capo di Gabinetto presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nel primo Governo Conte e di Capo di Gabinetto presso il Ministero della salute nel Governo precedente. Giuseppe Chinè, figlio di Bruno , ex dirigente scolastico e noto uomo di cultura della Locride, è sposato con Maria Grazia Mediati , di Locri, ed ha due figli, Adele e Bruno. Vive da molti anni a Roma ma non manca di tornare in Calabria presso i suoi genitori, a Bovalino, durante il periodo delle ferie estive. E’ anche Commendatore con Ordine al merito della Repubblica Italiana.
nella foto Giuseppe Chinè