Home / News / LOCRIDE – VIABILITA’ FATISCENTE
?

LOCRIDE – VIABILITA’ FATISCENTE

Aristide Bava
SIDERNO – ” Non è possibile nel 2021 assistere inerti a strade che sono delle vere e proprie mulattiere quando si parla di potenziare e sviluppare il territorio perché se mancano i collegamenti e le vie di comunicazione sono inefficienti e fatiscenti non si potrà mai avere un vero sviluppo”. La considerazione, certamente condivisa da molti cittadini della Locride, è di Roberto Ieraci, presidente della Associazione culturale “Nuovi orizzonti per il Sud” che ricorda anche che dopo le alluvioni degli anni scorsi diversi Comuni della Locride , ancora fanno la conta dei danni che ad oggi non sono mai stati risolti. Fatto riferimento ,in primo luogo, alla strada provinciale 111 Locri – Gerace “che rappresenta forse la criticità piu’ eloquente di come in questi anni la politica abbia abbandonato questo territorio” , si sofferma anche sulla Strada Provinciale 81 che attraversa il Comune di Portigliola, ( dove in località Samburi, ha subito una frana che per diversi metri ha causato la caduta di una corsia di marcia con la conseguente riduzione della carreggiata). Situazione – precisa Ieraci – rimasta invariata dopo 6 anni , con un tratto di strada scarsamente segnalato sopratutto di notte che crea seri pericoli per l’incolumità degli utenti. C’è da aggiungere che la frana , se col passare del tempo si allargasse, rischierebbe di isolare il piccolo Comune, aggravando disagi già evidenti, visto che quella strada rappresenta un rapido collegamento con il distretto sanitario ed il polo scolastico che si trovano a Locri. E poi ci sono molte arterie in vari paesi della Locride che, ormai sono al limite della percorribilità . Ecco la necessità – dice Ieraci – che la Locride terra di cultura e di turismo, di un serio piano di sviluppo, e l’auspicio che nell’immediato possano arrivare soluzioni concrete in vista dei fondi che arriveranno dall’ Europa , che potrebbero rappresentare una vera boccata d’ossigeno per l’intero territorio. Resta anche la speranza, dopo l’elezione del nuovo consiglio metropolitano che i Consiglieri della Locride riescano a far riavvicinare questa parte di territorio al resto della Provincia, visto che la Locride sta pagando un prezzo troppo alto in tema di servizi e di investimenti.

?