Home / News / REGGIO CALABRIA – IL MAGISTRATO BOVALINESE GIUSEPPE CHINE’ CAPOGABINETTO DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA

REGGIO CALABRIA – IL MAGISTRATO BOVALINESE GIUSEPPE CHINE’ CAPOGABINETTO DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA

REGGIO Calabria – E’ un reggino il nuovo Capo Gabinetto del Ministro dell’ economia e finanze, Daniele Franco Si tratta del magistrato Consigliere di Stato , Giuseppe Chinè , di Bovalino. . E’ stato nominato all’importante incarico dallo stesso Ministro Franco. Il dott. Giuseppe Chinè ha forti radici calabresi ed è una delle migliori eccellenze della nostra terra. E’ figlio del Preside Bruno Chinè, noto scrittore e uomo di cultura della Locride e della signora Edvige Giurato. Ama la sua terra dove ha solide radici, e appena può vi passa le sue vacanze,.Giovanissimo, ha da poco superato i 50 anni . E’ stato Capo di Gabinetto del Ministero dell’ Istruzione nel “Conte uno” , Capo di Gabinetto del Ministero della Salute, durante la precedente legislatura, ed ha una lunga e importante carriera professionale. Per oltre quindici anni è stato magistrato amministrativo e, ancor prima, magistrato ordinario. Dal 2011 al 2013, ha guidato l’Ufficio legislativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze e, dal 2009 al 2010, quello del Ministero per la Semplificazione Normativa. Chiné si è laureato in Giurisprudenza, a 22 anni, alla “ Luiss” con il massimo dei voti e lode. E’ Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Nel dicembre del 2019, dopo le dimissioni di Giuseppe Pecoraro, è stato nominato anche nuovo responsabile della Procura generale della Figc. Il Ministro Daniele Franco lo ha voluto al suo dicastero per la sua notevole esperienza e per la sua preparazione doti che saranno essenziali per affrontare con rapidità e competenza i temi e le urgenze dell’ importante Ministero. Il dott. Chinè è sposato con Maria Grazia Mediati, anche lei calabrese ( di Locri) ed ha due figli, Adele e Bruno, rispettivamente di 19 anni e 18 anni. Un bell’esempio per i giovani del Sud e di questo lembo di terra.

n.b. nella foto Giuseppe Chinè